Pensare il Diritto

a cura dell'Unione Giuristi Cattolici Italiani

diritto alla salute Archive

domenica

21

Maggio 2017

0

COMMENTS

La Cassazione ancora sui limiti della facoltà d’interrompere la gravidanza e sull’insussistenza di un “diritto ad abortire”

Written by , Posted in Documentazione

Pubblichiamo il testo integrale della sentenza con cui la Terza Sezione della Cassazione Civile italiana ha confermato le precedenti decisioni di merito relative ad una mancata diagnosi di malformazione fetale ed alla sua idoneità ad incidere in modo rilevante sullo stato di salute della gestante ai sensi e per gli effetti dell’art. 6 della legge n. 194 del 1978 sull’interruzione volontaria della gravidanza. Cassazione Terza Sezione Civile 9251 2017

lunedì

8

Maggio 2017

0

COMMENTS

Riflessioni biogiuridiche sul disegno di legge in materia di fine vita

Written by , Posted in Articoli, Jus!, D'Agostino Francesco, Contributi

Pubblichiamo una riflessione del prof. Francesco D’Agostino, per due mandati Presidente del Comitato Nazionale per la Bioetica ed attualmente membro e Presidente Onorario, sul testo di legge approvato dalla Camera dei Deputati ed ora in discussione al Senato, relativo alle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento. In esso sono contenute quelle che l’Autore considera raccomandazioni indispensabili affinché il dibattito, oltre che pacato e razionale, sia equanime e guidi la decisioni politiche nella direzione della miglior giustizia possibile su temi obiettivamente complessi ed oggi più che mai problematici e laceranti. Il dibattito sulle DAT

sabato

30

Maggio 2015

0

COMMENTS

Le cure compassionevoli

Written by , Posted in Documentazione

Pubblichiamo, dal sito istituzionale del Comitato Nazionale per la Bioetica, il Parere relativo al discusso problema della cosiddette “cure compassionevoli”: come spiegato nell’introduzione al medesimo, “è evidente che il problema della somministrazione di trattamenti non validati ad uso compassionevole ha una specifica e autonoma rilevanza bioetica per ragioni ben più complesse dei “casi” italiani, come attestano l‟art. 37 della Dichiarazione di Helsinki, l‟art. 83 del Regolamento CE n. 726/2004, l‟art. 13 del Codice di Deontologia medica e la legislazione di diversi paesi su “trattamenti su basi individuali”, “programmi ad accesso speciale”, “interventi non provati nella pratica clinica”, “programmi su casi difficili”, “eccezioni per uso umanitario””. cura_del_singolo_trattamenti_non_validati