Pensare il Diritto

a cura dell'Unione Giuristi Cattolici Italiani

Diritto e Letteratura Archive

venerdì

12

Giugno 2020

0

COMMENTS

Papi di famiglia

Written by , Posted in Articoli, Diritto e Letteratura, Autori, D'Agostino Francesco

Pubblichiamo, per gentile concessione del quotidiano “Avvenire”, un contributo di Francesco D’Agostino che presenta e recensisce il recente libro di Giuseppe Dalla Torre “Papi di famiglia”. Oltre ad un filiale omaggio ai propri predecessori ed ai Papi del periodo, il libro costituisce un validissimo esempio di memorialistica che parla alla mente ed al cuore. PAPI DI FAMIGLIA

martedì

28

Aprile 2020

0

COMMENTS

giovedì

26

Marzo 2020

0

COMMENTS

InCoronavirus – La lezione della pandemia

Written by , Posted in Articoli, Diritto e Letteratura, Sartea Claudio

Sulla vicenda che tutti ci coinvolge in queste settimane di avvio del 2020, e che inevitabilmente attiva numerose riflessioni di ogni genere, pubblichiamo alcune considerazioni introduttive di Claudio Sartea, Docente di Filosofia del Diritto, Biogiuridica, Bioetica e Diritti Umani presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, già molto noto ai nostri lettori. Esse, oltre a condividere alcuni spunti di meditazione, intendono aprire un più ampio dibattito scientifico e culturale su uno degli avvenimenti più significativi di questo inizio di millennio. Incoronavirus

martedì

30

Luglio 2019

0

COMMENTS

mercoledì

10

Luglio 2019

0

COMMENTS

giovedì

20

Dicembre 2018

0

COMMENTS

Amor pondus…auguri di un santo Natale

Written by , Posted in Diritto e Letteratura, Sartea Claudio

Dal libro “Terra degli Uomini”, certo meno famoso del capolavoro “Il Piccolo Principe”, ma non meno bello e suggestivo, riportiamo un aneddoto che Antoine de Saint-Exupéry riporta della sua esperienza nordafricana durante il periodo come aviatore civile: un episodio piccolo e magari insignificante, ma che nella trasfigurazione poetica si rivela una metafora dell’intera storia della salvezza. Bark – Santo Natale 2018

lunedì

29

Ottobre 2018

0

COMMENTS

venerdì

27

Luglio 2018

0

COMMENTS

Philip Roth sul sogno americano

Written by , Posted in Diritto e Letteratura

“Nonostante la corrente sotterranea di ansietà – la sensazione, provata ogni giorno, che la miseria fosse una minaccia persistente che soltanto la persistente diligenza poteva sperare di tenere a bada; nonostante una sfiducia generalizzata nel mondo dei gentil; nonostante la paura di essere sconfitti che restava attaccata a molte famiglie a causa della Crisi, – il nostro non era un quartiere immerso nelle tenebre. Il posto brillava d’industriosità. C’era una grande fiducia nella vita, e noi eravamo inesorabilmente pilotati verso il successo: un’esistenzxa migliroe sarebbe stata nostra. Il traguardo era avere dei traguardi, lo scopo era avere degli scopi. Spesso questo precetto assumeva toni isterici, l’irriducibile isteria di coloro ai quali l’esperienza aveva insegnato che era sufficiente un po’ di […]

sabato

31

Marzo 2018

0

COMMENTS

La Pasqua secondo T.S. Eliot

Written by , Posted in Articoli, Diritto e Letteratura, Classici

Pubblichiamo una nostra traduzione del quarto movimento di “East Coker”, il secondo dei “Four Quartets” di quello che è forse il massimo poeta in lingua inglese del ventesimo secolo, Thomas Stearn Eliot. In esso si condensao, poeticamente, considerazioni filosofiche e teologiche profondamente adeguate al mistero pasquale, vertice dell’anno liturgico cristiano. Eliot, Four Quartets, East Coker, IV

mercoledì

14

Febbraio 2018

0

COMMENTS

Nichilismo giuridico e metafisica

Written by , Posted in Articoli, Diritto e Letteratura, Pietro Proto

Pubblichiamo alcune riflessioni dell’avvocato Pietro Proto sull’aforisma numero 459 del celebre testo di F.W. Nietzsche “Umano troppo umano”: Necessario il diritto arbitrario. I giuristi disputano se in un popolo debba vincere il diritto più completamente elaborato o quello più facile a capirsi. Il primo di cui il  modello più alto è quello romano, appare al profano incomprensibile e perciò non come espressione del suo sentimento del diritto. I diritti nazionali, come ad esempio quelli germanici, erano rozzi, superstiziosi, illogici, in parte sciocchi, ma corrispondevano a costumi e sentimenti nazionali ereditari affatto determinati. Ma dove il diritto non è più, come da noi, tradizione, esso può essere solo imposto, solo costrizione; noi tutti non abbiamo più un senso tradizionale del diritto, perciò dobbiamo accontentarci di diritti arbitrari, che sono espressione della necessità che esista un diritto. Ciò […]