Pensare il Diritto

a cura dell'Unione Giuristi Cattolici Italiani

Corte Costituzionale Archive

giovedì

22

Novembre 2018

0

COMMENTS

L’ordinanza costituzionale sull’aiuto materiale al suicidio

Written by , Posted in Documentazione, Corte Costituzionale

Dal sito istituzionale della Consulta pubblichiamo il testo integrale dell’ordinanza n. 207/2018 depositata il 16 novembre 2018 sul giudizio di legittimità costituzionale in via incidentale relativo all’art. 580 del codice penale: giudizio scaturito dalla nota e dolorosa vicenda culminata nel suicidio assistito di Fabiano Antoniani in Svizzera, accompagnato da Marco Cappato (l’attuale imputato nel giudizio a quo instaurato presso la Corte d’Assise di Milano). Con una soluzione inedita, la Corte costituzionale ha rinviato all’udienza pubblica del 24 settembre 2019 la trattazione delle questioni di costituzionalità, auspicando un intervento del Parlamento e motivando con un itinerario argomentativo che non mancherà di far discutere e riflettere, anche sul nostro sito. Corte Costituzionale 207 del 2018

mercoledì

17

Ottobre 2018

0

COMMENTS

La Consulta sui limiti del diritto di sciopero degli Avvocati

Written by , Posted in Documentazione, Corte Costituzionale

Dal sito istituzionale della Corte Costituzionale, pubblichiamo la sentenza del 27 luglio 2018, n. 180, con cui la Consulta ha dichiarato l’incostituzionalità della norma del 1990 sull’autoregolamentazione del diritto di sciopero, nella misura in cui rischia di danneggiare il diritto di libertà di un imputato sottoposto a misure restrittive della libertà personale. pronuncia_180_2018

venerdì

27

Luglio 2018

0

COMMENTS

La Consulta riallarga i confini dei benefici di trattamento carcerario finalizzati al reinserimento

Written by , Posted in Documentazione, Corte Costituzionale

Con la sentenza n. 149 del 2018, la Corte Costituzionale ha riammesso ad alcuni dei benefici di trattamento penitenziario anche gli autori dei cosiddetti “reati ostativi” (soggetti cioè “condannati all’ergastolo per il delitto di sequestro di persona a scopo di estorsione di cui all’art. 630 cod. pen.”, nonché “condannati all’ergastolo per il diverso delitto di sequestro di persona a scopo di terrorismo o di eversione di cui all’art. 289-bis cod. pen.”). Le motivazioni della decisione meritano attenta riflessione giacché rievocano importanti discussioni sul fine della pena e sul senso della coesistenza sotto norme giuridiche. Ricaviamo il testo integrale della decisione dal sito istituzionale del giudice delle leggi. Corte Costituzionale Sentenza 149 del 2018

martedì

19

Dicembre 2017

0

COMMENTS

La Consulta sul delicato rapporto tra verità ed interesse del minore nell’attribuzione della genitorialità

Written by , Posted in Documentazione, Corte Costituzionale

Dal sito istituzionale della Corte Costituzionale pubblichiamo il testo integrale della sentenza n. 272 del 2017, con cui la Consulta ha dichiarato l’inammissibilità del quesito di incostituzionalità dell’art. 263 del codice civile. Come argomenta la Corte, “se dunque non è costituzionalmente ammissibile che l’esigenza di verità della filiazione si imponga in modo automatico sull’interesse del minore, va parimenti escluso che bilanciare quell’esigenza con tale interesse comporti l’automatica cancellazione dell’una in nome dell’altro. Tale bilanciamento comporta, viceversa, un giudizio comparativo tra gli interessi sottesi all’accertamento della verità dello status e le conseguenze che da tale accertamento possano derivare sulla posizione giuridica del minore”. Corte Costituzionale sentenza 272 del 2017

mercoledì

26

Aprile 2017

0

COMMENTS

sabato

24

Dicembre 2016

0

COMMENTS

Sentenza Costituzionale 286/2016

Written by , Posted in Articoli, Documentazione, Corte Costituzionale

Pubblichiamo dal sito istituzionale della Consulta la sentenza n. 286/2016 ove “si dichiara l’illegittimità costituzionale della norma desumibile dagli artt. 237, 262 e 299 del codice civile; 72 primo comma, del regio decreto 9 luglio 1939, n. 1238 (Ordinamento dello stato civile); e 33 e 34 del d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396 (Regolamento per la revisione e la semplificazione dell’ordinamento dello stato civile, a norma dell’articolo 2, comma 12, della L. 15 maggio 1997, n. 127), nella parte in cui non consente ai coniugi, di comune accordo, di trasmettere ai figli, al momento della nascita, anche il cognome materno”. pronuncia_286_2016